Quando in un bosco ne percepisci la bellezza e diventi tutt'uno con il bosco, allora, intuitivamente, sei in armonia e in pace con le Dee e con gli Dei. Essi sono parte della nostra vera natura, la nostra Natura Profonda, e quando siamo separati dalla nostra vera natura, viviamo nella paura. Percepire questa normalità vuol dire dare un senso reale al vivere che è insito in tutte le cose.

Intraprendere la Via Romana al Divino significa iniziare un percorso di risveglio: praticando l'attenzione e la consapevolezza continua ci incamminiamo lungo una strada sapendo che ciò che conta è il cammino per sè più che la destinazione.

When you, entering a forest, perceive the beauty of the forest and you feel to be in a complete harmony with it, then, intuitively, you are in peace with the Deities. They are an essential part of our real nature, our Deep Nature, and when we are separated by our real nature we live in the fear. Perceiving such normality means giving a real sense to our lives.

Undertaking the Roman Via to the Deities implies a path to awakening: with the practice of continuing consciousness and awareness we undertake our walking knowing that taking the path is more important than the destination itself

mercoledì 13 novembre 2013

Respect for Food

Some days ago, as usual in this period, we have been engaged in the olive harvest. Agricultural works and activities are fountamental practices both in practical and in spiritual terms. 

I'm trying to inspire my life to the Arval Principles: so for me enforcing my roots with the Earth plays a crucial role.

During a brief break for lunch, eating a frugal meal based on bread, beans, cheese and wine, I wanted to mention and invoke some Deities I considered relevant for the work we were making. Starting from Janus, I cited for example, Minerva, Ceres, Pluto and Proserpina, Pomona, Venus, Maia Volcani, Flora and Gaia, Dyonisus, Consus, Liber et Libera, Mars (and other agricultural Deities from the Indigitamenta) concluding with Vesta (in accordance with the traditional rite).
Mentioning these Gods and Goddesses drove me to think about the large number of Forces, Energies and elements contributing to create the food we finally eat. Elements from the ground, the weather, plants and animals, the mens'/womens' work: it is a long series of components giving an enormous value to food.  

I thought moreover that many people (above all kids), jusr buying the food they eat, very often do not understand and know the real value of food because their links with Nature and the Earth, embodied also by food, have been definitively broken and lost. Of course I'm not thinking about the sole economic value, but also, and maybe above all, about the substantial, intrinsic and symbolic value of food during all its constitutive phases from production to consumption.

I consider myself very lucky because I have a small garden where I can cultivate part of the family food. I live in the countryside so, anytime I can, I participate to many agricultural works in the country. I have also attended several times to the animals' butchery for the family needs in the farms in the surroundings. This is to say that these things always remember me what exactly underlies a dish of salad or broccoli, a bowl of beans, a steak or a chicken wing. 

I my opinion, all this can be a form of Colere Deos/Deas.

When mentioning or invoking all these Gods and Goddesses we finally streghten our awareness about the complex combination of so many components behind the food we eat. All this can stimulate respect and sacrality for food: this is the reason why having a meal can become a rite. Sharing a meal in the family or with some friends is definitively a rite: drinking a glass of wine with this spirit can become a liturgy.

The sacred role of food is also evidenced by "simplicity". I think that it should be always better choosing and eating food composed by few simple ingredients. What kind of respect can we have for a food made mainly by unintellegible chemicals?

I believe that eating hamburgers in a fast food or always buying frozen food in a big supermarket, all the habits making eating food just a mechanical, impersonal, automatic and unaware action, contribute to push us far away from the sacred meaning of food and from the Forces and Energies involved in its creation. Of course I don't want to assert that everyone should have a garden to cultivate his/her own food. I'm not a fanatic against fast food restaurants, junk food and so on.  This is not the point of the issue.

 This post should be considered just a little invitation to be aware about the importance to maintain the links with Nature and with the food deriving from her. It's important not to lose this link, the respect and the sense of sacred role of food. 

In addition  all this will contribute to our physical and spiritual health.

Rispetto per il Cibo

Alcuni giorni fa ci siamo dedicati, come ongi anno, alla raccolta delle olive. I lavori  e le attività agricole sono fondamentali sia per un motivo pratico, ma anche per motivi spirituali. Poichè mi sto impegnando a seguire i dettami del Sodalizio degli Arvali, il contatto con la Terra e l'agricoltura diventano di cruciale importanza.

Durante la pausa per consumare un frugale pasto a base di pane, legumi, formaggio e vino ho voluto menzionare ed invocare alcune Divinità che ho ritenuto rilevanti nel lavoro che stavamo facendo. Iniziando da Giano ho ricordato ad esempio Minerva, Cerere, Plutone, Proserpina, Pomona, Venere, Maia e Vulcano, Flora e Gaia, Dioniso, Conso, Liber e Libera, Marte, per concludere con Vesta (come prevede il rituale tradizionale).

Il citare queste Divinità mi ha spinto a riflettere con gli altri sulla grande quantità di forze ed elementi che concorrono alla creazione di ciò che alla fine mangiamo. Elementi della Terra, del clima, delle piante e del lavoro degli uomini e delle donne: una lunga serie che di fatto attribuisce un valore enorme al cibo.

Pensavo inoltre che tante persone, che si limitano solo a comprare il cibo che consumano, di fatto non ne conoscono il vero valore perchè il loro legame con la Terra, che si può materializzare anche tramite il cibo, è totalmente spezzato. Ovviamente non sto parlando solo di un valore economico, ma anche, e forse soprattutto del un valore sostanziale, intrinseco e simbolico del cibo in tutte le sue fasi: produzione e consumo.

Ho la fortuna di avere un piccolo orto e, ogni volta che posso, di partecipare a tanti lavori in campagna. Ho anche assistito alla macellazione degli animali nelle fattorie per il consumo familiare. Tutto questo mi fa sempre presente cosa c'è dietro un piatto di insalata o di broccoli, una scodella di fagioli, una bistecca di maiale o un'ala di pollo. 

Anche questa è una forma di Colere Deos/Deas.

Quando nominiamo ed invochiamo tutti questi Dei e queste Dee in pratica rafforziamo la nostra consapevolezza della combinazione complessa di tante componenti che sta dietro quello che stiamo mangiando. Questo genera rispetto e sacralità per il cibo e per questo consumare il cibo è un vero e proprio rituale. Condividere il pasto in famiglia o con gli amici è un rito: bere un bicchiere di vino con questo spirito diviene una liturgia.

La sacralità del cibo è poi evidenziata dalla sua semplicità. Penso che sia sempre preferibile consumare cibi composti da  pochi semplici ingredienti. Che rispetto possiamo avere nei confronti di un alimento composto principalmente da sigle e formule chimiche?

Credo che mangiare hamburgers in un fast food o comprare cibo congelato in un supermarket ci allontani dalla sacralità del cibo e delle forze che concorrono a produrlo. Ovviamente non pretendo che tutti si muniscano di un orto e coltivino quello che mangiano, ma questo mio post vuole solo essere un piccolo invito ad essere consapevoli dell'importanza di non perdere il legame con la Terra, con il cibo che da essa proviene, e di non perdere il senso "sacro" che può celarsi anche in un gesto apparentemente banale come quello di procacciarsi e consumare il cibo.

Inoltre la salute del nostro corpo e del nostro spirito non possono che trarre giovamento da tutto questo.

sabato 9 novembre 2013

Pluto and Proserpina

I would like to dedicate this post to analyze, even if briefly, role and meaning of a very important Divine Force structured into two polarities: the male (Pluto) and the female (Proserpina) polarity.

Probably these are the best known infernal polarities but too often they are quite equivocated also under the influence of many monoteist prejudices. It is important to remind that the Idea of Inferi, according to the Traditional Roman Spirituality, is completely different from the idea of Hell of the monoteism (under many points of view they are rather anthitetical).

"Nothing can last forever: without the Death, there's no Life": this sentence exemplifies the cycle of the existence and the essence of the Inferi as place of Death and Life generation. Similarly Pluto and Proserpina embrace elements of Life and Death.

Tradition indicates that Proserpina is a force related to seeds: Pluto is "Sun proceeding underground: he visits the invisible world during the winter solstice" (Porphiry, Peri Agàlmaton).

Proserpina has a complex symbolism linked to the buds' cropping out: from this reason she has two horns and the female appearance evidencing her generating force. Proserpina is the force at the base of the seeds' growth (she is Ceres' daughter).

She wears a crown made of ears of wheat (basic food for mankind): she is surrounded by poppies (symbol of the Earth). Poppy is symbol of married love and fecundity. Poppy is an infernal plant because it is the symbol of sleep and death.

The myth of Proserpina represents the alternating of the seasonal cycles on Earth and all the processes of "rebirth" (palingenesis)

Pluto is represented by the helm (as representation of the invisible world and invisibility) and by a half-scepter. The lack of the scepter's peak is the symbol of his sovereignty on the Inferi World (The Under-World), the lack of the "Above": his autority is not related to the "Above". He wears a purple cover: purple is the colour of the Underworld representing light descending underground. Pluto has the scepter in his left hand and in his right hand he holds a horn of plenty (Richness), or a Key (Initiation symbol as well as symbol of the control of the Underworld).

Cerberus, the Pluto/Proserpina dog, has three heads to evidencing the three phases in the existence formation: seeding, receiving and growth. He also represents the three main sky regions: East, South and West. Pluto, sometimes standig up or sitting on a throne, keeps his right hand over the Cerberus' heads to remark his total control.

Black animals, snakes and cypress are sacred to Pluto/Proserpina, but the tree highly representing Pluto/Proserpina is the pomegranate whose fruit, which can be harvested in October and November, remarks the "link" with the Underworld.

The pomegranate is the symbol of the "link", above all the "Blood Link": this fruit is the symbol also of fecundity, richness, abundance. In addition the pomegranate represents the "rebirth" and initiation.  

Richness and abundance in agriculture depends on the Pluto's Force. But, as already mentioned, Pluto and Proserpina embody also the Power of the Death without which it is not possible to generate new life. Pluto and Proserpina are therefore destroyng and creating forces in the same time. After all the palingenesis is impossible without the involvement of a preliminary "death" as precondtion of the complete abandoning of the profane existence. Being at the base of the Mysteries of Eleusis, the greater part of the symbolism and rituals of Proserpina and Pluto was (and still is) secret and it is not licit to talk about them extensively.
Pluto and Proserpina can be invoked beating the hands over the ground.

In the ancient Rome Pluto and Proserpina had a specific underground Temple in the Tarentum (or Terentum).

Plutone e Proserpina

Vorrei dedicare questo post ad approfondire,sia pure sinteticamente, il ruolo e significato di una forza divina molto importante che si struttura in due polarità: quella maschile (Plutone) e quella femminile (Proserpina).

Si tratta probabilmente delle due polarità infernali può note, ma spesso equivocate anche sotto l'influsso dei pregiudizi monoteisti. Bisogna ricordare infatti che l'idea di Inferno secondo la spiritualità Tradizionale Romana è totalmente diversa da quella del monotesimo (anzi direi antitetica per molti aspetti).

"Non c'è vita senza la morte": in questo motto si semplifica la ciclicità dell'esistenza di tutte le cose e l'essenza stessa degli Inferi come luogo di morte e di generazione della vita. Allo stesso modo Plutone e Proserpina contengono elementi di morte e di vita.

La Tradizione ci dice che Proserpina è una forza connessa ai semi; Plutone è "Sole che procede sotto la Terra e visita il mondo invisibile al tempo del solstizio d'inverno" (Profirio, Peri Agàlmaton).

Proserpina presenta una simbologia legata allo "spuntare" dei germogli dal terreno: per questo ha le corna e l'aspetto femminile che sottolineano la sua forza di generazione. Proserpina è la forza che fa crescere i semi (figlia di Demetra-Cerere).

Essa ha una corona di spighe di grano (cibo fondamentale per l'umanità) ed è circondata da papaveri (simbolo della Terra). Il papavero inoltre simboleggia la fecondità coniugale: è una pianta Infera poichè simboleggia il sonno e la morte.  Il mito di Proserpina rappresenta l'alternarsi del ciclo stagionale della Terra e di tutti i processi di "palingenesi" (rinascita). Si tratta del mito alla base dei Misteri Eleusini.

Plutone è rappresentato da un elmo (come rappresentazione del mondo invisibile e dell'Invisibilità) e da uno scettro spezzato. La mancanza dell'apice dello scentro simboleggia la sua sovranità sul Mondo Infero, la mancanza dell'Alto, l'evidenziazione del Basso: la sua autorità non attiene a ciò che è in alto.  Indossa inoltre un mantello di porpora, colore degli Inferi, che rappresenta la luce discesa sotto terra.
Plutone regge lo scettro con la mano sinistra, mentre nella destra tiene o una cornucopia (La Ricchezza) o una chiave (simbolo di iniziazione o di controllo degli Inferi).
Cerbero, il cane di Plutone e proserpina, ha tre teste ad evindenziare le tre fasi della formazione dell'esistenza: semina, ricezione e crescita. Rappresenta inoltre le tre regioni principali del Cielo: Est, Sud e Ovest. Talora, in piedi o seduto su un trono, Plutone tiene la mano destra poggiata sulle teste di Cerbero per evidenziarne il totale controllo.

Tutti gli animali neri, i serpenti ed il cipresso sono sacri a Plutone e Proserpina, ma l'albero che maggiormente simboleggia Plutone/Proserpina è il melograno il cui frutto, che si raccoglie fra Ottobre e Novembre, sottolinea il "legame" con il mondo Infero.

La melagrana infatti simboleggia il "legame", "il legame di sangue"; essa è simbolo anche di fecondità, ricchezza e abbondanza. Inoltre la melagrana rappresenta la rinascita e l'iniziazione.

 Dalla forza di Plutone dipende quindi la ricchezza dell'agricoltura. Ma, come già detto, Plutone e Proserpina raccolgono anche la forza della morte senza la quale non è possibile generare nuova vita. Plutone e Proserpina sono quindi energie distruttrici e generatrici allo stesso tempo. Del resto la stessa palingenesi non è possibile senza prima una "morte", ovvero abbandono completo dell'esistenza profana. Essendo inoltre connessi ai Misteri di Eleusi, gran parte della simbologia e del rituale connesso a queste forze era (ed è) segreto e non è lecito parlarne.

Plutone e Proserpina possono essere invocati battendo le mani sul terreno.

Nell'antica Rona, Plutone e Proserpina possedevano un Tempio sotterraneo presso il Tarentum (o Terentum).

lunedì 4 novembre 2013


November, whose name derives from the fact that it was the 9th month in the ancient calendar beginning in March, represents a period of "Interiority". 
November is focused on the flowing of the natural energy returning back underground during winter. This period is dedicated to Infernal underworld Gods (Inferi) from who derives the energy for the creatures on the surface.

November is thus dedicated to Pluto (Underworld Jupiter) whose name means "extremely rich", and to Proserpina (the Girl walking like snakes). Pluto represents the deep, Proserpina the vital force nourishing life in spring.

Black animals, cypress and narcissus are sacred to Pluto. He may be invoked beating the hands on the ground.

Pomegranate tree and poppy are sacred to Proserpina who protects also funerals.


Il mese di Novembre, così denominato perchè era il nono mese dell'anno antico che iniziava a Marzo, rappresenta il periodo dell'"Interiorità". 
Novembre è focalizzato sul flusso dell'Energia Vegetativa e Vitale che rientra nella Terra  durante tutto il corso dell'inverno. E' un periodo dedicato alle divinità sotterranee (Inferi) da cui deriva l'abbondanza della vita sulla superficie della Terra.

Novembre è dedicato pertanto a Plutone (Giove Infero) che significa "Ricchissimo", il "Dovizioso" e a Proserpina ("La Fanciulla che procede come i Serpenti"). 
Plutone rappresenta la profondità, Proserpina la forza vitale che alimenterà la vita in primavera.

A Plutone sono sacri tutti gli animali neri, il cipresso ed il narciso. Viene invocato battendo le mani per terra.

A Proserpina sono sacri il melograno ed il papavero. I funerali sono sottoposti alla sua protezione.