Quando in un bosco ne percepisci la bellezza e diventi tutt'uno con il bosco, allora, intuitivamente, sei in armonia e in pace con le Dee e con gli Dei. Essi sono parte della nostra vera natura, la nostra Natura Profonda, e quando siamo separati dalla nostra vera natura, viviamo nella paura. Percepire questa normalità vuol dire dare un senso reale al vivere che è insito in tutte le cose.

Intraprendere la Via Romana al Divino significa iniziare un percorso di risveglio: praticando l'attenzione e la consapevolezza continua ci incamminiamo lungo una strada sapendo che ciò che conta è il cammino per sè più che la destinazione.

When you, entering a forest, perceive the beauty of the forest and you feel to be in a complete harmony with it, then, intuitively, you are in peace with the Deities. They are an essential part of our real nature, our Deep Nature, and when we are separated by our real nature we live in the fear. Perceiving such normality means giving a real sense to our lives.

Undertaking the Roman Via to the Deities implies a path to awakening: with the practice of continuing consciousness and awareness we undertake our walking knowing that taking the path is more important than the destination itself
.

martedì 22 aprile 2014

April 21st: Palilie - Dies Natalis Romae

About the meaning of this particular day I have already written something in this previous post.

21 Aprile: Palilie - Dies Natalis Romae

Per quanto concerne questa giornata rivio a questo mio precedente post.

martedì 15 aprile 2014

Hortus Arvalis: the Venus' Flowerbed

We are in Spring time and  now we can devote ourselves to the preparation of our garden. In particular, being April dedicated to Venus, in this post I would like to make some considerations about the section of the garden dedicated to this Goddess, as critical component of the Hortus Arvalis (Arval Garden)


First of all, I think that it could be useful to provide some brief detail about the Hortus Arvalis. An Arval Garden is the place where the Arval Knowledge in embodied in botanical and Theobotanical terms. Its structure and organization should depict the harmony between the Nature, in her deeper essence, and the human spirit. This can achieved through the symbolic knowledge of the herbs and plants the garden includes, their placement and the sacred geometry the Garden represents as place of contact between the macrocosm and microcosm dimensions. In brief, the Hortus Arvalis is a sort of "Green Book" written with the symbols, letters and grammar of the Tradition where the Three Worlds (Inferi, Surface, Sky) can find the description of their communication and harmony.


Every plant and herb, through its placement within a precise sacred geometry, thus becomes a tool capable to catalyze benefits and energies deriving fom the contact and harmony between these worlds.

Being expression of the generating force of the Earth, the Arval Garden has a squared or rectangular shape: it will be divided into four main sectors whose division can be made with two lanes intersecting at the centre. In this way, the four main elements (water, air, fire, earth) are represented and the fifth element (quintessence) is placed in the middle as axial point.


I can just remind that the antique roman domus surrounded a hortus showing these characteristics with at the centre water as generating element (life) and axial-contact point with the Sky (water is simbolically an infernal element but this case involves the Rain, as water falling from the Sky). This tradition has been copied, maintained and used in the Middle Age in the cloisters with a well as axial point and contact between the inferi, the surface and the sky. In the Reinassance this tradition was at the base of the great hermetic, symbolic and botanic gardens.

The Sacred Geometry at the base of the Arval Garden is symbolically aimed to evidence and streghten the (more or less occult) properties of plants and herbs under the influence of the Divine Forces connected to them, the Sacred Astrology and the underworld providing nourishment to plants and herbs.

The Arval Garden represents therefore the link between planets, metals, plants, Deities, numbers, colors and musical notes. It should have the power to stimluate all the senses: in this way it become a perfect place to practice otium and spiritual purification. The Arval Garden usually includes the "Simples", or those herbs capable, without other ingredients, to produce effects: these herbs can be eaten, used for infusions, compresses, essences, pomades.

Every herb and plant is connected to a Divine Force according a precise correspondence: from these Deities the plants receive some signs, prints, symbols (Doctrine of Signatures) and above all characteristics, qualities, positive (or negative) properties, influences. Any part of the plant, like the human body, is consacrated to a specific Deity: Saturn-roots, Mercury-seeds and bark, Mars-stem and trunk, Pomona/Jupiter-fruits, Moon-leaves, Venus/Flora-flowers.

The Arval Garden is structured into four main sections, which may be divided in further sub-areas. These sub-sections may show particular geometrical shapes on the base of the principles of Geomancy, a divination science through the esoteric value of the geometric shapes and spaces where placing plants, herbs and flowers in order to obtain the better qualities and properties from them. 

It is important to note that the bordering of the flowerbeds have a foundamentally symbolic value rather than an aesthetic one because, according to the Tradition, the plants used for the bordering must have the capabilities to avoid the dispersion of the properties of the plants included in the flowerbed

One of the four main sections in the Arval Garden is the Venus' Flowerbed. It should include:  oregano, mint, verbena, alchemilla, prunella, artemisia, pomegranate, venus hair fern, moss, myrtle, columbine, orange, heather, violet, rose.

The perfumed herbs and those plants used for cosmetics are sacred to Venus, a Divine Force at the base of the essences, fragrances and perfumes.

This topic is rather long and I don't want to involve the reader in long and boring discussions. Anyway, it is important to do some remarks as conclusion for this post. 
First of all, having even a minimal knowledge about the symbolic value of the plants, trees, flowers, and herbs included in an Arval Garden can contribute to regain a new respect for trees and plants understanding in the same time, the complex symbolic value of plants and gardens (also those in the medieval cloisters and the botanical gardens of the reinassance). It is important to understand that these places have a symbolic, religious and spiritual value before the aesthetic one. They are the representation of a particular vision of the Nature, the World and the Universe through a Traditional Language which often has been lost.

Moreover, I would like to evidence that everyone of us can make his/her own Arval Garden because not always it requires great space and high botanical skills. Everyone can make it also in a small scale. Taking care of these plants in an Arval Garden can be a way not only to produce our food, spices and essences through an useful physical activity, but also to gain personal peace and harmony. In brief physical and psychological wellness.

Hortus Arvalis: l'Aiuola di Venere

Poiché siamo in primavera, ci dedichiamo all'organizzazione del nostro orto, della sua struttura e dei suoi spazi. In particolare, essendo il mese di Aprile dedicato a Venere, approfitto di questo post per fare alcune riflessioni su quella parte dell'orto consacrata a questa Dea, elemento importante per la realizzazione di un Orto Arvale. 

Credo che sia necessario tuttavia fornire qualche accenno su cosa sia un Orto Arvale. Un Orto Arvale è la materializzazione "botanica" e Teobotanica del Sapere Arvale la cui strutturazione e composizione deve consentire una sintonia fra la Natura, nella sua più profonda essenza, e lo spirito umano. Questo può avvenire grazie alla conoscenza simbolica delle piante in esso raccolte, della loro disposizione e della geometria sacra in esso descritta come contatto fra macrocosmo e microcosmo. In pratica l'Orto Arvale diviene una sorta di "Libro Verde" scritto con la simbologia, le lettere e la grammatica tradizionale in cui i Tre Mondi (il Mondo Ctonio, quello di Superficie ed il Cielo) possano trovare descritta la loro comunicazione ed armonia. 

Ogni pianta, con la sua collocazione inserita all'interno di una precisa geometria sacra, diviene quindi uno strumento catalizzatore dei benefici e delle energie che possono derivare dall'armonia e dal contatto di questi Tre Mondi. 

Essendo in primo luogo espressione della forza generatrice e nutrice della Terra, l'Orto Arvale avrà pertanto una forma quadrata o rettangolare e sarà diviso in quattro settori principali, con una divisione effettuata tramite due Vie che si incrociano al Centro: in tal modo sono rappresentati i quattro elementi principali (acqua, aria, terra, fuoco) ed il quinto elemento (quintessenza) posto al centro, come punto assiale, che rappresenta la sintesi dei quattro elementi. 

Appare quasi superfluo rammentare che l'antica domus romana racchiudeva al suo interno un hortus avente queste caratteristiche al cui centro vi era posta l'acqua come elemento generatore (vita) e di contatto fra Cielo e Terra (dato che l'acqua è simbolicamente un elemento ctonio, ma in questo caso si trattava di acqua piovana ovvero caduta dal Cielo). Tale tradizione viene poi ripresa nel medioevo con i chiostri dei conventi dove tale strutturazione viene, più o meno consapevolmente mantenuta, copiata e riutilizzata (spesso si trova un pozzo al centro dei chiostri, un elemento che ancora di più evidenzia l'assialità del centro ed il contatto fra mondo infero, superficie e cielo). I giardini rinascimentali poi saranno un'esplosione di simbologia ermetica. teobotanica e geometria sacra.

La geometria sacra che sottointende alla realizzazione dell'Orto Arvale simbolicamente è finalizzata a evidenziare e potenziare le proprietà (più o meno occulte) delle piante che vengono sottoposte all'influsso delle Forze Divine ad esse collegate, all'Astrologia Sacra e alle Forze sotterranee che alimentano le piante. L'Orto Arvale pertanto disegna i collegamenti fra pianeti, metalli, piante, Divinità, numeri, colori e note musicali capace inoltre di smuovere contemporaneamente i cinque sensi (non solo la vista, ma anche l'udito, il tatto, il gusto, l'olfatto). In questo modo l'Orto Arvale diviene uno spazio ideale per la pratica dell'otium e per la purificazione dello spirito. L'Orto Arvale raccoglie pricipalmente i "semplici" ovvero quelle erbe che da sole, senza la combinazione di altri ingredienti, possono produrre effetti: si tratta di erbe che possono essere mangiate, usate per infusi, impacchi, essenze, unguenti.

Ogni pianta è quindi collegata ad una Forza Divina secondo una precisa corrispondenza: da queste Divinità le piante ricevono dei segni, delle impronte, dei simboli (Teoria delle Segnature) e soprattutto caratteristiche, qualità, proprietà benefiche (o malefiche), influenze. Ogni parte della pianta, come avviene per il corpo umano, è consacrata ad una specifica Divinità. Saturno-radici, Mercurio-corteccia e semi, Marte-gambo e fusto, Pomona/Giove-frutti, Luna-foglie, Venere/Flora-fiori.

L'Orto Arvale si struttura in quattro aiuole principali, che possono essere al loro interno suddivise in ulteriori aiuole. Queste ultime possono avere delle forme geometriche particolari secondo i principi della geomanzia ovvero la scienza della divinazione tramite il contenuto esoterico delle forme geometriche (che riproducono quelle astrali) e degli spazi in cui disporre le piante e i fiori affinchè possano esprimere al massimo le loro qualità e proprietà. 

Da segnalare che le bordature non hanno una valenza estetica, ma servono simbolicamente ad impedire la dispersione delle proprietà delle piante raccolte in quell'aiuola. 

Una delle quattro sezioni principali dell'Orto Arvale è appunto l'Aiuola di Venere. Essa contiene: origano, menta, verbena, alchemilla, prunella, artemisia, melograno, capelvenere, muschio, mirto, aquilegia, arancio, erica, viola, rose. 

Le erbe odorose e quelle impiegate per i cosmetici sono tutte consacrate a Venere, forza Divina che si trova alla base delle essenze e dei profumi. 

L'argomento è piuttosto lungo e complesso e non voglio annoiare il lettore più di tanto. Mi preme però in conclusione sottolineare alcune cose. Innanzitutto avere una conoscenza minima del valore simbolico e botanico di un Orto Arvale può contribuire ad avere rispetto per le piante e a comprendere ad esempio la complessa simbologia antica delle piante, dei giardini (degli stessi chiostri medievali o dei giardini botanici rinascimentali). Si tratta cioè di comprendere che il giardino tradizionale ha una valenza simbolica ancor prima che estetica: esso ci parla di un mondo molto particolare attraverso un linguaggio tradizionale che ormai il più delle volte è andato perduto.

Inoltre mi preme sottolinerare che un orto Arvale non necessita di enormi spazi e di competenze botaniche particolari. Ciascuno di noi può realizzarlo anche in piccolo. Dedicarci alla cura di queste piante ci permetterà non solo di "autoprodurre" facendo un'attività fisica utile, ma anche di conquistarci un po' di pace per lo spirito. Insomma benessere per il corpo e per lo spirito.

lunedì 7 aprile 2014

About Venus' Nudity

Venus is a complex Divine Force, probably more complex than one could expect at a first sight. Surely she represents the sacred power of Love as a Force capable to "attract" all the entities (in a very broad sense). She moreover describes the sacred force of "uncovering", "unveiling", "disclosing" (also in this case in a very broad sense) or a "veil removal".

For this reason, we have to deal with a complex problem: how interpret the Venus' Nudity as expression of this "unveiling", denudation, always shown in the statues (but frequently totally misconceived by the profanes).


The Ancient Magistri (i.e. Porphyry), say that Venus, being the Force of Water, is the symbol of generation, procreation: she is therefore linked to Desire (Eros - Love for what we are missing - is often represented with Venus) as "attractive force". Being a generating power, thus a feminine power, she is represented as a woman because "Source of Life".

Venus is related to the sea because, being a moist and warm element by definition, it represents the motion, the agitation, the continuing generation. Her astral symbol is Hesperus-Evening Star- Lucifer (this explains also the absolute opposition of the monotheistic religions against Lucifer as symbol of feminine power): this star symbolically influences the generating power of the Earth being also linked to the dew, fecundating the Land and stimulating the generation of all the beings.


Venus nonetheless covers her breasts and her vagina because these organs are linked to procreation and generation, but this gesture doesn't indicate any form of shyness or shame. This gesture expresses generation as occult, concealed force which the Nature - Magna Mater - tends to protect from profanation.


In this perspective, Venus is a symbol of a Great Force of Life. But the Venus' nudity, this water generating force, is also expression of "purification" or a process where one leaves his/her impure parts. We are dealing therefore with a symbol of Death, but surely not in a profane meaning. Our Ancestors define "nude, naked" those who "abandoning the life and participating the Immortality, can contemplate the ineffable misteries" (Philo of Alexandria Legum Allegoriae). Abandoning the cloths, abandoning the human body, become the symbol of palingenesis, initiation death, soul sublimation: nudity thus means the simple Purity of Soul.


All the complex symbology of Venus is therefore involved in these issues. The Tradition (Proclus, Numenius) indicates that Souls "descend into generation", the Soul "lay on waters", "the incarnating Souls tend to the moisture". Venus, and her nudity, describes the great cycle of generation. It's important thus to note, in the picture above, how Venus is a) placing the veil (the body) over a b) vase (the Vase of Life).

a) The body as Soul's Veil drives to the consequence that the Death is Nudity. Moreover, the body-tunic related to Venus has to be preserved pure, as the Venus' purity: "keep your body, you have received from Gods and Goddesses, pure as you try to keep the tunic covering your skin pure" (Sextus). I just remind that the image and symbology of weaving is the expression of the feminine force generating bodies (just as an example: Penelope).

b) Vases, kraters, amphoraes are always typical feminine symbols: growth, abundance, life "The vases indicate Life". This is the reason why in the antique graves you can find many vases (i.e. in the etruscans graves). The Vases represent the "Den of Life" (in many roman funereal steles you can find the figure of a vase). These vases are open upward because they can receive influences from the sky. In particular the stone vase is a symbol of fertility. The terra-cotta vase, joining water and fire, represents the symbol of the union between the male and feminine forces.

In this (very common) picture, it is possible also to note that Venus, while dropping the veil, is touching her left foot. She is touching her left foot: the foot is a part of the body linked to the feminine energy and to Desire. In addition, in particular the heel, the foot is the symbol of the "Attachment to Life". Having lifting up her left foot, any further consideration is unnecessary and redundant. Just consider that someone still labels Venus as the "Goddess of Love"...


Anyway. I don't want to be too long. I would like just to mention, as conclusion, that it is possible to find this very complex symbology also in other representations. For example, let's examine a typical etruscan sarcophagus.


The so-called experts say that a sarcophagus represents the dead person during a sort of funereal banquet, having in his/her hand a plate with the offer for Charon to access the underworld. Yet, now we have the interpretative keys to better understand the sacred synbols involved in this imagine.






In about any occasion, the dead person is represented laying on the left side, with the head placed on the left hand-left arm: this is the arm of the Heart, the arm of Apollo, the Arm of the Sun. The  lower part of the body is covered by a tunic, while the upper part is naked (women have always the breasts covered: as for Venus, there is no shame or shyness just "the conceiling of the generating forces" and "protection from profanation"). This is to say that the dead person is leaving is mortal part and his soul is leaving the body. In addition, being placed on the left arm, this imagine is representing: "I'm not dead. I'm waking up, I'm raising up towards a new life". The "plate with the offering" is a typical cosmic symbol of the Third Sun, Centre of the Universe, the point where all the existing entities are generated. This is the final destination of the dead. Not accidentally he keeps the thumb (the Venus Finger) close to the centre (or over the centre) of the plate: generation, re-birth, death-new life.

I could add other datails, but I think to have written enough. As usual, I emphasize that I'm just a Cultor. If you need more detailed and complete information about this issue, it's better to contact an augur or a pontifex.

A proposito della nudità di Venere

Venere è una forza divina molto più complessa di quanto non possa apparire a prima vista. Sicuramente essa esprime la sacralità e la potenza dell'Amore come forza che attrae i corpi, in una senso molto ampio. Essa inoltre descrive la sacralizzazione di ogni forma di "disvelamento", anche in questo caso in un'accezione molto ampia, ovvero rimozione di un velo.

Ecco che pertanto ci troviamo di fronte al difficile problema dell'interpretazione della nudità di Venere, come manifestazione di questo disvelamento, di questa denudazione, riportata anche nella statuaria (frequentemente molto fraintesa dai profani). 

Gli Antichi Maestri (ad es. Porfirio) ci dicono innanzitutto che Venere, essendo potenza dell'Acqua, è legata alla generazione, alla procreazione e quindi al Desiderio (Eros - l'Amore di ciò di cui si sente la mancanza - è spesso raffigurato al suo fianco), come spinta attrattiva. Essendo potenza generatrice, quindi una polarità femminile, veniva rappresentata sotto forma di donna, proprio perchè "Fonte di Vita".

Venere è connessa al mare perchè, elemento umido e caldo, rappresenta il movimento, la generazione, l'agitazione. La sua rappresentazione astrale è la stella Espero-Hesperus-Stella della Sera (detta anche Lucifero: si spiega quindi l'avversione del monoteismo contro Lucifero come opposizione all'energia femminile) che simbolicamente influisce sul potere generativo della Terra e che è posta in relazione con la rugiada che feconda la Terra e stimola la generazione di tutti gli esseri animati.

Venere si copre i seni e la vagina perchè organi connessi alla generazione e procreazione, ma tale gesto non esprime mai vergogna o pudore. Questo gesto vuole simboleggiare la generazione come forza occulta che la Natura - Magna Mater - tende a proteggere dalla profanazione.

Sotto tutti questi aspetti Venere esprime una grande forza vitale. Ma la nudità di Venere, forza dell'acqua che genera, esprime una "purificazione", ovvero un processo in cui ci si sbarazza delle parti impure. Ci troviamo di fronte pertanto ad una simbologia legata alla Morte, ma di certo, non si parla di morte in senso profano. Gli Antichi chiamavano "nudi" quelli che "abbandonando la vita di morte e partecipando dell'immortalità possono contemplare gli ineffabili misteri" (Filone Alessandrino Legum Allegoriae). La rinuncia alle "vesti", rinuncia alla corpereità umana in generale, diventa simbolo di palingenesi, morte iniziatica e sublimazione dell'Anima: la nudità quindi esprime la semplice purezza dell'Anima. 

Tutta la complessa simbologia di Venere entra quindi in gioco. La Tradizione (Proclo, Numenio) ci dice che le Anime "discendono nella generazione", "le Anime si posano sull'acqua", "le anime che si incarnano inclinano all'umido". Venere, con la sua nudità, esprime il grande ciclo della generazione ovvero la rinuncia alla corporeità e nello stesso tempo l'anima che discende nella generazione. Notare infatti come, nell'immagine che ho riportato in alto, Venere riponga a) il velo (il corpo) sopra b) l'anfora della vita.

a) Quindi il corpo come velo dell'anima porta come conseguenza la morte come nudità. Inoltre il corpo-tunica cui fa riferimento Venere deve essere conservato puro, come pura è la stessa Venere: "mantieni incontaminato il tuo corpo, ricevuto dagli Dei e dalle Dee come veste dell'anima. così come cerchi di mantenere incontaminata la tunica che ricopre la carne" (Sesto). Ricordo poi che l'immagine e la simbologia della tessitura è espressione della forza femminile che genera i corpi (pensate ad esempio a Penelope).

b) Il vaso, i crateri e le anfore sono tutti simboli di energie femminili: crescita, abbondanza, vita. "I vasi indicano la vita". Anche per questo le antiche tombe ne sono piene (ad esempio quelle etrusche). In particolare rappresentano il "ricettacolo della vita" (su moltissime steli funerarie romane viene rappresentato un vaso). Esse sono aperte verso l'alto poichè possono ricevere gli influssi del cielo. In particolare il vaso di pietra è simbolo di fertilità. Il vaso di terracotta, unendo l'umido con il fuoco rappresenta la simbolica unione fra le energie maschili e quelle femminili.

In questa immagine, molto frequente, poi possiamo notare come Venere (mentre si libera del velo) si tocchi il piede sinistro. Innanzitutto si tocca del piede sinistro: il piede è una parte del corpo connessa all'energia femminile e simbolo di desiderio. Inoltre, soprattutto nell tallone, il piede simboleggia il "radicamento alla vita". A questo punto, considerato che Venere stacca il piede da terra, ogni altra considerazione è superflua. E c'è ancora qualcuno che etichetta Venere come "Dea dell'Amore"... Mah.



Comunque. Non mi voglio dilungare ulteriormente. L'unica cosa che voglio ricordare è come questa simbologia estremamente complessa di Venere sia molto antica e come trovi applicazioni ed espressioni in altre rappresentazioni. Ad esempio proviamo ad osservare un qualsiasi sarcofago etrusco (soprattutto quelli più antichi).


I cosiddetti esperti sostengono che ci trovamo di fronte alla rappresentazione del defunto in una sorta di banchetto funerario, avente in mano l'obolo da versare a Caronte per poter accedere nel regno dell'oltretomba. Ora però dovremmo conoscere un po' meglio la simbologia sacra per capire meglio cosa realmente abbiamo di fronte.

In pressochè tutte queste rappresentazioni il defunto è mostrato sul lato sinistro con la testa appoggiata sul braccio sinistro: cioè quello connesso al cuore, alla vita divina, ad Apollo, al Sole. La metà inferiore del corpo è coperta da una tunica, mentre la parte superiore è nuda (le donne presentano i seno coperti: nessuna vergogna o pudicizia, ma "occultamento della generazione", "protezione dalla profanazione" come per Venere). Ciò significa che il defunto si sta liberando della sua parte mortale e che la sua anima sta lasciando il corpo. Inoltre, essendo poggiato sul braccio sinistro, tutta questa immagine ci dice semplicemente: "non sto morendo, mi sto risvegliando, mi sto rialzando a nuova vita". Inoltre il famoso piattino con l'obolo è il tipico simbolo cosmico del Terzo Sole, centro dell'Universo, punto di generazione di tutto ciò che esiste. Quella è pertanto la destinazione del defunto. Non casualmente vi avvicina il pollice (o addirittura poggia il pollice sopra il centro del simbolo) che è appunto il dito di Venere: generazione, rigenerazione, morte-nuova vita, palingenesi. 

Molto altro si potrebbe aggiungere, ma penso che per ora sia abbastanza. Come sempre ricordo che sono solo un semplice Cultor. Per ogni ulteriore approfondimento, consiglio di rivolgersi ad un augure o ad un pontefice.

martedì 1 aprile 2014

April - Venus

April is a month enterely dedicated to Nature and to Nature's Beauty. Many Goddesses are celebrated during this month above all Venus.

Venus is the sacralization of Beauty: in particular she is "The Revealed and Disclosed Beauty".
Her sacred trees are: cherry tree, myrtle, daisy, rose, lime and apple tree.
Her sacred animals are: stork, sparrow, frog, dolphin, swan, hare, turtle and dove.

A Venus' fundamental symbol is the shell.

Venus is also identified as:
  • Venere Pandemia: physical love
  • Venere Urania: spiritual love
  • Venere Murcia: she-mitigating
  • Venere Verticordia: passion

Venus is symbolized by a cone dark stone.

Other important Gods/Goddesses celebrated in April are:
  • Ceres: "the nuorishing land". She is also named "Flavia" (blonde, clear), "frugifera" (giving fruits), she is the sacred symbol of corn cultivation. Spike, poppy, pig and heifer are sacred to Ceres.
  • Tellus: the Earth, symbol of stability and solidity (Tellus Stabilita), she-generating energy. She is represented surrounded by children. Sacred animal: veal
  • Pale: ancient Goddess of pastures and herds.
  • Robigo: "Rust". Negative God provoking inactivity and many plant, animal and human deseases.
  • Flora: Goddess of Flowers. She is the symbol of spring. Seeds and honey are sacred to Flora. She is represented by a wicker basket full of flowers she will put on trees.
______

It is possible to provide some brief and simple citations about a deeper meaning and sense of the cult and symbology of Venus.
 
 Venus represents the Generating Force hidden inside Nature, in particular the generating and purificating force of Water. It is important ot note that the letter "V" as initial of her name and the symbol of Venus are linked to the hermetic symbol of Water however connected to the feminine sexuality. The purificating power of Water-Venus is also evidenced by the Goddess' nudity: I will discuss this complex topic in another post.
 
Venus contains in the same time Life and Death: she is defined also "mortis et vitae locus". 
Venus symbolizes, in hermetic terms, the passivity, contraction, the Original Primigenial Force, the "Wet Path", "the Green Path", copper, sexuality, the lumbar region.

 
Venus is also somehow linked to the secret name of Rome.


 The roman grafito in Pompeii
 
 The importance of the cult of Venus in Rome is extremely well known and the realtion between the name of Rome and Venus is also evidenced by the famous grafito in Pompeii.

Aprile - Venere

Aprile è un mese dedicato alla Natura e alla bellezza della Natura. Molte divinità femminili sono celebrate in questo mese soprattutto Venere.

Venere è la sacralizzazione della bellezza, in particolare "la bellezza disvelata".
Gli alberi sacri a Venere sono:
il ciliegio, il mirto, la margherita, la rosa, il tiglio, il melo.

Gli animali sacri a Venere sono:
la cicogna, il passero, la rana, il delfino, il cigno, la lepre, la tartaruga e la colomba.

Un simbolo fondamentale di Venere è la Conchiglia.

Venere viene indentificata come:
  • Venere Pandemia: amore fisico
  • Venere Urania: amore spirituale
  • Venere Murcia: la mitigante
  • Venere Verticordia: la passione

Venere a Roma era simboleggiata da una Pietra Nera di forma conica.

Le altre divinità celebrate nel mese di aprile sono:
  • Cerere: la Terra che Nutre. E' detta "Flavia" (la bionda, la chiara), "frugifera" (che dona frutti), presiede alla coltivazione del grano. Le sono sacri: la spiga e il papavero. Animali sacri: maiale e giovenca.
  • Tellus: la terra simbolo di solidità e stabilità (Tellus Stabilita), energia della generazione. Appare circondata da bambini. Animale sacro: il vitello
  • Pale: antica Dea dei pascoli e dei greggi
  • Robigo: la "ruggine". Divinità negativa causa inattività e malattie delle piante, degli uomini e degli animali
  • Flora: Dea dei Fiori, simbolo della primavera. Sacri le sono i semi ed il miele. E' rappresentata da un cesto di vimini pieno di fiori che deporrà sugli alberi.
--------
Si può dare qualche breve e superficiale cenno sul significato più profondo del culto e della simbologia di Venere.
Venere rappresenta infatti la Forza Generatrice che si cela nella nella Natura stessa, in particolare la forza generatrice e purificatrice dell'Acqua. Da notare che la "V" del nome ed il simbolo di Venere sono il simbolo stesso dell'acqua che a sua volta richiama l'organo genitale femminile.

L'aspetto purificatore dell'Acqua connesso a Venere è evidenziato anche dalla stessa nudità di Venere: un aspetto che mi riservo di approfondire in un'altra occasione.
Essa contiene in sè la Vita e la Morte: Venere viene definita infatti anche "mortis et vitae locus". In senso ermetico, Venere costituisce la passività, la contrazione, la Forza Primigenia e la Via Umida: essa simboleggia la Via Verde, il rame, la sessualità e la regione lombare.
 
Venere è inoltre connessa in qualche modo al nome segreto di Roma.


 Roma Quadrata: graffito di Pompei
 E' arcinota l'importanza che a Roma aveva il culto di Venere. Il rapporto fra il nome dell'Urbe e la Dea è poi evidenziato dal famoso graffito di Pompei.